Trattamento (o lavaggio) del cashmere

Ebbene si! sveliamo tutti i misteri su cosa si intende per trattamento/lavaggio del Cashmere.

Stavo scrivendo il mio ultimo pattern quando ho scoperto che tutte le indicazioni che fornivo, potevano essere da sole un articolo del blog.
Credo che interessi molte persone e lo pubblico. Spero vi faccia piacere.

Da quando ho iniziato la mia avventura con la Compagnia del Cashmere ho studiato meglio questo aspetto puramente “tecnico” del fare la maglia (ogni tanto bisogna fare anche questo……)

Le prove che vedrete sono state eseguite tutte con il filato KARSHA di loro produzione. Il trattamento viene indicato però per qualsiasi filato di PURO CASHMERE in rocca e che non sia quindi mai stato lavato prima.
Note per il campione ed il lavaggio

Per poter rendere al massimo del suo splendore, il cashmere necessità di un semplice processo di lavaggio al termine dell’esecuzione.
Perché il risultato finale sia esattamente come vi aspettate è opportuno che anche il campione subisca lo stesso identico processo che si farà sul capo finito.

Il contatto con l’acqua farà aprire le fibre del cashmere, il detergente eliminerà gli ultimi residui di lavorazione, l’ammorbidente renderà le fibre più scivolose. Se scegliete l’uso della lavatrice, una centrifuga leggera aiuterà la fuoriuscita del “velo” caratteristico del cashmere. Un delicato “halo” sulla superficie che lo fa sembrare morbido solo a vederlo…

Potete farlo sia A MANO (per avere una mano soffice ma poco pelo in superficie) che IN LAVATRICE (si ottiene la mano del cashmere così come lo si compra…in boutique…).

Io, che volevo vedere in cosa consistesse la differenza fra i due metodi ho eseguito 2 campioni e gli ho trattati ognuno con un sistema diverso.
Quindi li ho lavorati entrambi:
– montando 30 maglie
– per 15 ferri di coste ritorte con i 4 1/2 mm
– per 36 ferri a maglia rasata con i 5 mm

Eccone uno pre lavaggio:

Cashmere da trattare – (no comment…)
            A MANO:
– In una bacinella, ogni 5 lt d’acqua appena tiepida aggiungi 20 ml di detergente per lana e/o capi delicati (di solito mezzo misurino).
– Metti a bagno il campione o il capo finito per 30 minuti. Sgocciola bene e risciacqua in acqua pulita.
– Metti quindi a bagno in altri 5 lt d’acqua appena tiepida con 20 ml di ammorbidente per 15 minuti.
– Lava quindi in acqua fredda pulita aggiungendo 40 ml di aceto durante l’ultimo risciacquo.
Questo il risultato del lavaggio a mano:
Cashmere trattato a mano – Bello, decisamente.
Molto più semplice IN LAVATRICE:
Se ciò che dovete trattare è solo un campione è consigliabile farlo durante il lavaggio di altri capi in lana. Risparmierete sui consumi. Il lavaggio utilizzato è molto delicato e l’aggiunta dell’aceto addolcirà la durezza dell’acqua:
– Inserisci il campione/capo da lavare in un sacchetto proteggi indumenti delicati o in una federa vecchia.
– Carica la lavatrice e seleziona il ciclo lana o quello per capi delicati (seta, etc..).
– Seleziona la temperatura a 30°.
– Seleziona 400 giri di centrifuga (o la più bassa possibile, non deve strizzare troppo).
– Carica i contenitori con 1 misurino di detergente per lana e/o capi delicati, 2 misurini di ammorbidente, 2 misurini di aceto (nel contenitore per l’ultimo risciacquo o in quello della candeggina.
E questo l’esito del lavaggio in lavatrice:
Cashmere trattato in lavatrice – Una meraviglia per gli occhi e il tatto !!!
In entrambi i casi, a lavaggio ultimato, distendi il campione/capo finito ben sgocciolato e strizzato (non torcendolo mai!) su un asciugamano, arrotolalo assieme all’asciugamano stesso e “sprimaccialo” per bene. Vedrai che così asciugherà in un baleno!

Distendi quindi il lavoro su un altro asciugamano asciutto, mettendolo in forma secondo le misure previste, aiutandoti con alcuni aghi se occorre. Lascia in posizione orizzontale fino a perfetta asciugatura.

Una passata di vapore (a distanza!) attraverso un panno sul ancora impercettibilmente umido, sarà sufficiente a renderlo perfetto.

Per la manutenzione, comportatevi come per un qualsiasi altro capo in maglieria pregiata ma non ripetete mai più il trattamento! Ulteriori passaggi successivi nel rimestio del cestello e dalla centrifuga lo infeltrirebbero sicuramente (sigh…)

Attenzione: esiste un fenomeno chiamato “rientro”, cioè una minima riduzione delle misure dopo il trattamento del tutto fisiologico. In uno specchietto semplice si notano meglio quali sono i diversi margini di rientro dei campioni da me seguiti:

Per sviluppare il modello utilizzate dunque le misure del campione già trattato.
Il capo finito, anche se al termine del lavoro vi sembrerà terribilmente grande, dopo averlo lavato come l’iniziale campione, sarà finalmente delle misure che avete previsto.

Avrete così un capo unico e pregiato. E se avete la fortuna di possedere una macchina da maglieria e la sapete usare, il risultato sarà identico a quello dei capi industriali. Promesso.

Karsha – Color cipria

In uno dei prossimi post vi dirò cosa sto facendo con questo color Cipriail cardigan Bon-Ton della stagione: Good girl.
Il nome la dice lunga…..

Advertisements

13 pensieri su “Trattamento (o lavaggio) del cashmere

    1. Ciao Chiara!
      Il cobweb è usato perlopiù per fare il pizzo quindi, come sempre con questa tecnica, prediligi un numero di ferri che crei un tessuto bello “vuoto” e che possa essere ulteriormente aperto in fase di bloccaggio.
      Non scenderei al di sotto del 2,5 mm (ma pure un 3 o 3,5 mm…). Molto dipende dal tipo di pizzo che vuoi realizzare: Estonian, Shetland, Oremburgh, etc… perché a seconda della tecnica cambia anche la fittezza del punto che si richiede.
      Il cashmere non trattato è molto, molto delicato da lavorare in queste finezze. Si sfibra e si rompe facilmente prima di subire il leggero infeltrimento del trattamento che compatta e unisce le fibre, perciò occorre tenere una mano leggera e morbida sopratutto durante diminuzione, aumenti, accavallate, etc… Insomma, quando si smaneggia parecchio sulle maglie! 😉
      Una volta che ci hai preso la mano però, non è impresa impossibile.
      Prova! e poi fammi sapere come procede.
      Ciao!

      Mi piace

  1. Ciao Mariù! esattamente come dici tu.
    Direi che se ti veniva bene con la 6, farei un campione “multiplo”.
    Cioè 50 giri a tens. 7, 50 a tens. 8, poi la 9, magari anche la 10…Sembra sprecato ma in realtà solo così potrai scegliere la “mano” che ti piace di più. Grazie d'essere passata. ciao

    Mi piace

  2. ciao paolo..sono mariù…in fb maria mineo…ho realizzato un maglia per mia figlia questo inverno in pura lana cashmere..appena l'ho lavato si è infiltrito enormemente..non sono esperta.. ho sempre lavorato con i misti…siccome mi sono rimaste 2 rocche,che vorrei usare, se ho ben capito quando faccio il campione lo devo lavare…allora, che tensione devo mettere??lo devo fare molto lento quindi se normalmente metto tens 6,va bene tens 9….grazie un abbraccio

    Mi piace

  3. Ciao Barbara. Il Nuncas lo conosco ed è veramente un ottimo prodotto…industriale. In questo periodo mi sto orientando verso i prodotti bio..ne parlerò.
    Perchè non provi con l sistema “solo lavatrice”?. I margini di ritiro che ho io con questo sistema (vedi schema sopra) sono più o meno come i tuoi….t'assicuro che si fa molto prima!
    Ah, e grazie per il consiglio su come lavare le matasse: pare semplice ma è un lavoro da professionisti !!!!!

    Mi piace

  4. Daccordissimo Cristiana. Quello di cui parlavo nel Knit cafè on Web di ieri sera: un buon ed adeguato trattamento dei capi in fibre naturali ne prolunga lavita e li mantiene belli. Spero tanto che si diffonda l'uso dei prodotti bio, o quantomeno ci sia un ritorno a detersivi più…umanamante compatibili! Conto di approfondire l'argomento. A presto

    Mi piace

  5. ciao, in pratica hai follato il filato, il processo elimina la lanolina presente nelle fibre e fa uscire il pelo .
    Ho iniziato a fare questa manovra dopo aver acquistato dalla compagnia del cashmere un lotto di coni di cashmere di vari colori, tra l'altro tutti bellissimi è un'ottima offerta questa, lavorandolo però sembrava spago, da qui la necessità delal follatura.
    Mi ha insegnato un'amica che ha un allevamento di capre cashmere in Toscana, http://www.chianticashmere.com/Homepage/ io di solito lo faccio a mano, metto a bagno il capo finito in acqua a 40 gradi, con il detersivo per la lana, e lo manipolo un pò con il detersivo, lo lascio o a bagno per circa 1 ora, poi lo sciacquo e lo rimetto a bagno con un ammorbidente che si chiama SFELTRO della Nuncas, si compra nei colorifici o grandi magazzini,è veramente un prodotto speciale.
    Poi prendo il tutto e lo metto in lavatrice per risciacquo e centrifuga breve, viene meraviglioso, il capo si ritira circa del 10-15%
    Ho anche provato a follare direttamente il filato in matasse, bisogna stare attenti a fare bene la matassa legandola in più punti per evitare che si disfi e si ingarbugli, in questo caso le matesse poi si devono mettere ad asciugare, come facevano le nostre mamme quando recuperavano la lana di maglioni vecchi, infilandole su un manico di scopa e lasciate asciugare all'aria.
    Barbara

    Mi piace

  6. Ohhh, GRAZIE!
    Avevo giusto bisogno di questa spiegazione, passando per Parigi ho commesso un peccato di gola e ho comprato due gomitolini di Cashmere Habu con cui mi faccio una sciarpetta. Ebbene è come lavorare uno spago sottile, mi chiedevo giusto come trattarla alla fine. Ora so come fare!
    Happy Knitting!
    Sonia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...