L’importanza dei ferri del mestiere

Più volte mi sono chiesto cosa avrei pubblicato nel mio blog.
Uno dei commenti più frequenti da parte di chi ha visto i miei lavori è spesso: ” ma che mano regolare hai, come fai?”
…non ho mai saputo rispondere. O meglio, ho sempre pensato che fosse frutto dell’esercizio e di una certa mano stretta che ho mentre lavoro.


Vero. La mano naturale che si ha è certamente importante e fondamentale, l’esercizio pure. Ma pochi giorni fa mi è capitata l’occasione di riprodurre un campione per una filatura ed ho avuto modo di capire che c’è dell’altro a contribuire in tutto ciò.
Lo scopo della loro richiesta era di verificare se davvero, come affermava un’azienda che voleva acquistare il filato, l’irregolarità del risultato che loro ottenevano fosse la conseguenza di una mancanza di omogeneità del filato.

Per poterlo fare il più uguale possibile a quello eseguito da loro e non sapendo quale numero di ferri avessero utilizzato, mi sono fatto un piccolo “gauge test”.
A occhio ho immaginato che i ferri usati potessero essere quelli da 7 mm e mi son detto “proviamo a fare un test  anche con un numero superiore ed un numero inferiore, e vediamo se c’ho ragione!” (voi non parlate mai da soli? vabbè. Io invece si. Alemeno nella mia testolina.. sarò matto? in gran parte penso di si!)

Ho messo su una ventina di maglie con i ferri da 6 mm, ho lavorato per una ventina di ferri, poi ancora venti ferri passando a quelli da 7 mm ed ancora una ventina con quelli da 8 mm.

Ecco qua il risultato

E ho scoperto che tanto più si utilizza un numero di ferri alto ed inadeguato alla grandezza del filo, tanto più le maglie venivano irregolari.
E ancora. Il materiale stesso di cui sono fatti i ferri aiuta od ostacola il lavoro e quindi la regolarità del pezzo finito.
In proposito un paio di indicazioni che, generalmente, possono aiutare:
  • FERRI IN PLASTICA: sono i meno scorrevoli di tutti anche se sono, sopratutto nei numeri più grossi, molto leggeri rispetto alle misure equivalenti di altro materiale. Li suggerisco per i filati di fibre scivolose: seta, viscosa, etc…
  • FERRI IN LEGNO: di solito poco scorrevoli, anche se meglio della plastica. Soprattutto le ultime generazioni (ad esempio i KnitPro, ora prodotti anche con sezione quadrata. Utili per i lavori circolari perché non girano su sé stessi con conseguente arrotolarsi della maglia). Comunque, se decidete di comprare questo tipo, non risparmiate sulla qualità e sul prezzo: è fondamentale che siano di un buon legno altrimenti col tempo si imbarcano. E che siano stati levigati alla perfezione ed abbiano subìto una finitura altrimenti, oltre a mandare accidenti a chicchessia perché non scorrono, rischiate pure di sfilacciare il filato o peggio ancora di conficcarvi una scheggia nelle dita! P.S.: qualità non vuol dire necessariamente estetica. Un set di ferri in legno di rosa o d’ebano, meraviglioso, costa però come un villino a Courmayeur. Altri legni, duri e resistenti, costano meno e in termini di resa valgono lo stesso se non di più.
  • FERRI IN BAMBOO: molto, molto più gradevoli al tatto di quelli in legno, anche se simili. Stesso discorso però: buona qualità e perfetta finitura (carbonizzati). E attenzione durante l’uso: quelli più fini, sino al 3-4 mm si rompono facilmente se forzate con una mano troppo stretta (chiedetemi perché lo so…). Un pregio è la quasi totale assenza di rumore prodotto mentre si lavora. Se il tikke-takke delle punte disturba il vostro partner, quello che siede accanto a voi in treno o se avete l’abitudine di andare a sferruzzare in bliblioteca (ma, a chi lo fa davvero dico: è luogo nato per leggere…in silenzio), ecco la soluzione.
  • FERRI INOX: non si usano quasi più. Hanno una scorrevolezza media e si possono usare quasi per tutte le fibre. Però un grosso svantaggio: pesantissimi. Se mettete su molte maglie ed il lavoro è pure piuttosto lungo, rischiate una tendinite fra pollice e polso. Vanno tenuti ben stretti sotto l’ascella e questo causa notevole tensione alla spalla ed al collo (ahi, ahi…la vecchiaia…ma anche per questo ci sono dei “trucchetti che vi svelerò poi)
  • FERRI IN ALLUMINIO: forse i più comuni e conosciuti. Solitamente di colore grigio, lucidi in conseguenza del trattamento protettivo che subiscono. Piuttosto leggeri, non hanno però la stessa scorrevolezza di quelli in inox.
  • FERRI NICHELATI: I ferri più “speedy” che potrete trovare sul mercato. I più famosi, sono quelli della KnitPro (vedi sopra). Sono vuoti all’interno e super-super-leggeri. Le maglie scorrono che è una bellezza tanto che se il filato è leggermente scivoloso, ad esempio l’alpaca ed il cashmere, gli sconsiglio. Meglio per la lana e le fibre più comuni. O per il cotone, che scorre sempre con gran fatica. Costano un pò di più degli altri ma avrete fatto un acquisto di cui non vi pentirete mai. Attenzione però: hanno una punta accuminatissima. Quindi bisogna far pratica per evitare di prendere il filato “nel mezzo” della torsione. Ottimi dunque per i filati molto sottili che si lavorano male con…un’arma spuntata!
  • FERRI ACRILICI o in FIBRA DI CARBONIO: bah…che vi devo dire. Quelli acrilici sono molto belli e colorati, adatti ai principianti perchè il filato scorre poco e non c’è il rischio che le maglie cadano con facilità. Come caratteristiche simili a quelli in plastica. Quelli in fibra di carbonio costano un patrimonio, sono davvero leggeri e una scorrevolezza media. Ma per quel prezzo preferisco l’alluminio. Un aneddoto personale: qualche anno fa ebbi una boutade con mio fratello, pescatore semi-professionista. “Senti un pò, Ale (Alessio)” gli dissi ” visto che le canne da pesca devono essere leggerissime e sono tutte in carbonio, perchè non inventiamo una gamma di ferri di questo materiale? Secondo me potrebbero avere successo”. E lui: “Macchè, mi sembra un’idea del kaiser. Lascia perdere. A chi vuoi che interessino?” Detto fatto… Ora si vendono invece, eccome!
  • FERRI IN VETRO: per favore. Non scherziamo. Solo l’idea mi fa rabbrividire: freddi al tatto, delicatissimi. Bellissimi, per carità, ma rischiereste di frantumarne uno appena vi scivola di mano. Costano come uno swarovsky e sono altrettanto fragili. Usereste un vostro soprammobile per fare la maglia? Per gli amanti del genere: ce li ho per guardarli ma li uso poco….
Credo che sia tutto…o quasi!
Infine (lo so, l’argomento è tedioso ma anche un’indispensabile premessa), le punte.
Potrete trovare in commercio praticamente tutte le varietà di ferri elencate con punte di ogni forma: dalle più affilate, a quelle più “tonde”.
Chi lavora molto ai ferri, dovrebbe avere nella sua dotazione più tipologie di materiali e punte, in modo da usare sempre quelli con i quali il lavoro procede più velocemente.
Sembra uno spreco di denaro, ma oltre che risparmiare del tempo d’esecuzione, otterrete un risultato più omogeneo. Appunto, una mano più regolare.
Accumulerete meno tensione durante il lavoro e vedendolo crescere in fretta non vi sembrerà più tanto lontana la fine.
Ad ognuno i suoi attrezzi ed i suoi FERRI.
E ricordate: provate, provate, provate sempre e fate un campione prima di iniziare il lavoro
Ah…ecco qua a destra il campione che ho fatto io ed a sinistra quello “incriminato” d’irregolarità.
Non c’è un abisso fra i due, ma credo che il mio sia più accettabile.
A presto.
 

Advertisements

15 pensieri su “L’importanza dei ferri del mestiere

  1. Ciao Stefania. Non si può dire quali ferri siano migliori “per te”. Ognuno ha le proprie preferenze, una diversa mano, un modo diverso di tensionare il filo…insomma dipende da un sacco di fattori.
    Credo che tu adesso stia usando dei ferri in alluminio (grigi), un po' pesantini e abbastanza scorrevoli, e che magari la tua mano un po' morbida (lo è?) rendono ancora più difficile lavorare un filato che sembra già piuttosto scivoloso dalla sua composizione.
    Il cotono e più in generale i filati asciutti e ben ritorti sono più “sdrucciolevoli” di altri.
    Quindi potresti provare un paio di ferri in bamboo che hanno un scorrevolezza media e sono leggerissimi. Inoltre sono piacevolissimi da toccare, molto più dell'ORRIDO alluminio! 😉
    E così magari risolvi anche il problema della mano diversa fra ferri d'andata e ritorno e non sei più costretta a usare due numeri diversi! a volte è proprio il peso del ferro che costringe a movimenti strani che creano una maglia disunita!
    Fammi sapere come va! A presto. Paolo

    Mi piace

  2. Per lavorare un filato 50% cotone + 50%lana sono utili ferri in bambù o legno? che differenza c'è fra i due ? Ora sto usando quelli in alluminio color grigio n. . 4 1/2 (per diritto e 4 per rovescio)e le maglie mi cascano sempre .Oltre a colpa mia ,credo che i ferri c'entrino anch'essi
    Cosa mi consigli ?Grazie stefania c.

    Mi piace

  3. Ciao Alice! che piacere (e che onore!) vedere un tuo commento sul mio blog. Quindi grazie assai.

    In effetti, in questo post, non affronto l'argomento “come fare un campione”, che ho intenzione di trattare più in là..ma troppo vasto è l'argomento e non credo che un solo altro articolo sarà sufficiente…

    Ah…Per chi non conosce i termini tecncici: “bloccare”, come dice Alice, è un termine italianizzato del verbo “to block”, cioè “bloccare/fissare”

    Grazie ancora Alice

    Mi piace

  4. Ciao Caludia, prova a vederla così: ogni campione fatto è un quadrato per un plaid!
    Credimi, non ne occorrono poi così tanti ad esempio se devi fare una copertina per un nascituro. A me è successo. Gli ho messi tutti insieme ed è stato molto apprezzato.
    Ancora: seutilizzi spesso lo stesso filato, diciamo a maglia rasata, quando lo hai fatto la prima volta non lo dovrai rifare mai più! ….sempre che usi gli stessi ferri…. (-:
    Un abbraccio

    Mi piace

  5. E lo spero bene! te che sei tanto allergica ai campione…Vabbè, comunque ognuno ha il suo “metodo” e se ti soddisfano i risultati, la cosa più importante è che ne sia contenta tu…
    Ma io non demordo e continuerò a sfinirti sull'argomento!
    Un abbraccio

    Mi piace

  6. i lavori/prove non sono determinati solo dalla scelta dei ferri (tipi, numero ecc) ma anche la mano! guarda che un giorno puoi lavorare più “lento” del giorno dopo! prova.

    inoltre, un consiglio per i campioni – se li fai per un “grande” lavoro:
    1. non chiudere le maglie alla fine, tendono a dare una forma scorretta allla prova – passa un filo con un ago e lascia le m così
    2. lava la prova, asciuga e poi vedi! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...